Atene 2004+15: cronaca di giorni indimenticabili, 6a parte

A 15 anni dalla magica stagione 2004, sesto capitolo del nostro libro-racconto. Stefano racconta su maratoneti.com la ricognizione del percorso di mercoledì 25 agosto, a 4 giorni dalla Maratona Olimpica.

Rileggi la 1° parte cliccando qui

Rileggi la 2° parte cliccando qui

Rileggi la 3° parte cliccando qui

Rileggi la 4° parte cliccando qui

Rileggi la 5° parte cliccando qui

Ieri ho visionato in macchina il tracciato di domenica.

Alla TV sembrava altra cosa, l'altimetria sulla carta un'altra ancora. Allora è stato meglio verificare di persona che invece ci sarà da sudare ancora di più, perchè le qualità muscolari e la capacità di correre in salita e discesa con le gambe stanche farà la differenza. Comunque mi piace, assomiglia un po' alla Maratona di Madrid, forse qui è anche più difficile, ma se uno sta davvero bene si può anche andare forte, come le prime 3 di domenica scorsa. Me lo aveva detto l'amico Giovanni che l'aveva fatta, ma ad aprile, che queste lunghe salite non perdonano. Aggiungiamo che anche oggi ci sono oltre 30 gradi e siamo a posto. Le chiacchiere sugli avversari si sprecano e chi sta meglio, chi sta peggio, chi si nasconde, chi sarà la sorpresa...tutte storie già viste e vissute per fortuna, l'esperienza in questo caso mi sta aiutando a rimanere fuori dalla bagarre. Spero solo di stare bene io e riuscire a dare il massimo di quello che posso, così come credo gli altri faranno. E' normale, sono le Olimpiadi, ad Atene poi. Il villaggio è sempre una bella esperienza, anche alla terza Olimpiade, anzi, più invecchi e più te lo godi. Ciao a tutti, e a presto. (nella foto di taxivanathens lo stadio di Maratona)