L'atletica 2021 su Sky Sport parte da Eugene

Su Sky tutte le tappe dell’edizione 2021 del World Athletics Continental Tour Gold.

Il World Athletics Continental Tour 2021 parte da Eugene, nello stato americano dell’Oregon: nel tempio dell’atletica mondiale gareggiano molti dei più forti atleti al mondo, tra cui Noah Lyles e Ronnie Baker. Il meeting sarà trasmesso in diretta su Sky Sport Arena sabato 24 aprile, a partire dalle ore 23, con la telecronaca di Nicola Roggero e il commento tecnico di Stefano Baldini.

Non c’è posto migliore per cominciare la stagione all’aperto di Eugene, la Woodstock dell’atletica americana, il tempio di Hayward Field appena rinnovato per ospitare i campionati del mondo del prossimo anno. Occhi puntati, secondo logica, sui 100 metri, dove si esibisce il re indiscusso della distanza doppia, Noah Lyles, che fu rivale di Filippo Tortu a livello junior. A parte Gatlin e lo squalificato Coleman troverà il meglio dello sprint americano, quello che si giocherà il posto alle Olimpiadi nei perfidi ma affascinanti Trials. Ci sarà Ronnie Baker, quest’anno già sceso al 9.94 del mondiale stagionale, il vecchio Michael Rodgers, che a 36 anni non vuole sapere di riposare, e poi ancora Cravon Gillespie, Trayvon Bromell e Chris Belcher, una carriera tormentata dagli infortuni.

Belle anche le due gare sui 400: tra gli uomini duello tra i gemelli usciti da Southern California, Michael Norman, formidabile dai 100 al giro di pista, e Rai Benjamin, che per una volta lascia gli ostacoli e torna alla distanza piana, tra le donne sarà show per la campionessa olimpica Shaune Miller Uibo. Hayward Field, però, significa anche mezzofondo, e sul miglio metrico la battaglia sarà tra l’ex campionessa mondiale Jenny Simpson e la veterinaria di Glasgow Laura Muir. (sport.sky.it)

Intervista del quotidiano "Il Giornale"

“I miei ragazzi a Tokyo. E sono pronto a tornare per la maglia azzurra”

125 anni fa oggi la prima maratona olimpica "Ho la copia della coppa di Spyridon Louis"

Sergio Arcobelli

Da Spyridon Louis a Stefano Baldini. Nell'anniversario dei 125 anni dal primo oro nella maratona dei primi Giochi Olimpici dell'era moderna, una parte della celebrazione spetta anche all'azzurro che nel 2004 fu degno erede dell'eroe greco.

Altro

Intervista di Gazzetta Running

Stefano Baldini. La nuova vita del Dio di Maratona è sul campo

Stefano Baldini si racconta: resta sui campi di atletica, ma con nuovi obiettivi…

Luca Tocco 

Ci sono prime pagine che restano nella memoria. Non solo in quella di tifosi e sportivi ma, più in generale, di tutti. Chi non ricorda quel “È TUTTO VERO!” con cui La Gazzetta dello Sport titolava il 10 luglio 2006, all’indomani della vittoria degli Azzurri al mondiale di calcio? Ma anche momenti tristi, che segnano, comunque, le vicende di una Nazione, come quel “Se n’è andato” con cui scoprivamo che, purtroppo, il Pirata, Marco Pantani, ci aveva lasciato… Ebbene, una di queste pagine dello sport italiano l’ha scritta anche Stefano Baldini con quel “Dio di Maratona”, comparso il giorno dopo la vittoria allo stadio Panathinaiko di Atene il 29 agosto 2004 nella maratona olimpica.

Altro

Il Team Baldini sul podio ai Campionati Italiani

Stagione invernale da incorniciare per il nostro team di allenamento di Rubiera, con tre medaglie ai Campionati Italiani: Sara Nestola argento ai Campionati Indoor U23 di Ancona sui 3000 metri il 7 febbraio, mentre ai Campionati Italiani di Cross a Campi Bisenzio, il 14 marzo, Samuele Dini è argento nel Cross corto maschile e Rebecca Lonedo bronzo nella gara femminile. Complimenti ragazzi! (Foto Baldini/Colombo-Fidal)