stefanobaldini.net

Su lastampa.it si parla di Sestriere

 

Baldini: “Sogno la corsa in montagna ai Giochi”

A Sestriere l’ex olimpionico di Atene 2004 a cacca di talenti ed eredi

 

Luca Casali

Stefano Baldini alza la testa e sorride. A Sestriere, a fianco della pista di atletica, c’è un sentiero di appena 700 metri. Si chiama “sentiero Stefano Baldini”, intitolato all’ultimo italiano a vincere una maratona olimpica, ad Atene, nel 2004; l’uomo al quale la Fidal ha dato il bastone di comando del settore “Giovanile e dello “Sviluppo”. Perché l’Italia dell’atletica ha bisogno del suo carisma e al suo essere vincente per un rilancio che, dopo i mondiali di Londra con zero medaglie, non più aspettare. Baldini guida i giovani e sceglie Sestriere. La sua pista e le sue strutture. E sposa la filosofia della corsa in montagna. 

 

Trail, ultra trail, endurance trail: sono la nuova frontiera della corsa in montagna che sta portando a correre sui sentieri milioni di nuovi podisti in tutto il mondo. E’ d’accordo Stefano Baldini su questo modo di intendere l’atletica? O è una forzatura?  

“Nessuna forzatura, tutto il movimento che produciamo in natura o su un percorso misurato, piuttosto che su una pista di gomma si chiama atletica, benessere e performance. Non tutti hanno il cronometro come obiettivo, è anche bello misurarsi con se stessi su un percorso impegnativo, l’importante è essere pronti e preparati”. 

 

Il futuro dell’atletica leggera passa, anche, dalla corsa in montagna?  

“Abbiamo una bella tradizione, che si rinnova nel tempo grazie alle imprese dei ragazzi che si specializzano nella corsa in montagna. Ci sono anche atleti che la utilizzano come preparazione a maratone o per il cross, io stesso sono stato assiduo frequentatore dei percorsi in natura quando finalizzavo le gare più importanti, nei giorni di rigenerazione”. 

 

In pista i talenti azzurri fanno fatica ad emergere: potrebbe essere diverso in montagna ?  

“In pista la concorrenza si è moltiplicata e questo rende tutto più impegnativo; l’Africa è sempre più dura da battere. Lo spazio per far bene c’è ancora, i nostri ragazzi devono andare a prenderselo con pazienza e dedizione, niente arriva da una stagione all’altra. Bisogna sudarsi ogni piccolo miglioramento, celebrarlo e dimenticarlo in fretta per guardare avanti. In montagna siamo sempre competitivi, peccato che non si possa poi coltivare un sogno olimpico in questa specialità”. 

 

Quanto conta avere una corretta dinamica di corsa per districarsi sui sentieri e stare sulle gambe per ore e ore che sono necessarie per coprire distanze che raggiungono e superano anche i 100 chilometri?  

“Fondamentale a tutte le velocità e su qualsiasi fondo mantenere una meccanica di corsa naturale, agile e economica. Risparmiare energie è la base di tutto perché chi sa correre arriva lontano. Anche gli allenamenti sulla forza hanno grande importanza per chi corre distanze lunghe e su sentieri accidentati, ovviamente non per avere le masse muscolari di lanciatori e velocisti, ma per abbassare i consumi e essere sicuri in discesa”. 

 

Sestiere e l’atletica leggera: infine la ripresa dell’attività. Una pista che sarà rifatta nuova nel 2018 e la Fidal che crede nell’attività di preparazione in altura sulla pista e sui sentieri, come quello intitolato a lei, del Colle.  

“Da qualche anno siamo sempre più presenti e nel 2017, oltre agli stage della corsa in montagna con Paolo Germanetto, abbiamo iniziato un percorso educativo all’allenamento in quota con 30 mezzofondisti che corrono dagli 800 metri alla maratona, oltre ai marciatori e tutti Under 25. La pista nuova ci darà la possibilità di mettere le scarpe chiodate ogni giorno e i pistard più forti, anche stranieri, grazie al passaparola, verranno a provare un anello a 2050 metri di altitudine. Il percorso Baldini è una piacevole sorpresa. Vicinissimo alla pista, va bene come riscaldamento ma anche per correre forte su uno sterrato davvero bello: sono onorato e orgoglioso dell’iniziativa del Comune; lo stiamo usando parecchio”. 

 

Stefano Baldini sarebbe mai potuto essere un trailer?  

“Sono un uomo di pianura che ha imparato ad amare la montagna, così come amo la velocità. Correre forte, senza l’ausilio di nessun mezzo meccanico, è la cosa che mi ha emozionato di più nella vita. Mi manca molto”. 

 

Corre ancora, oggi?  

“Corro 3 o 4 volte la settimana, senza un programma di allenamento, giusto per stare bene e divertirmi, di solito corro dai 10 ai 15 km in progressione, ma a volte mi piace ancora fare delle prove su distanze brevi. Ogni tanto faccio qualche gara per iniziative benefiche, la grinta e la passione per il movimento ci sono sempre”.

     

    Archivio Notizie